sartoria rossi

Il vocabolario della giacca

Cari lettori,

alcuni di voi mi scrivono chiedendo consigli su abbinamenti per eventi e cerimonie, altri su dove trovare accessori e capi di abbigliamento, ma quasi sempre noto che c’è molta confusione sul significato di alcuni termini usati in sartoria.

Dire che una giacca ha una manica “a mappina” oppure ha il “cran” a 5 centrimetri dalla spalla cosa vi fa venire in mente? La scena sembra tanto quella dell’interrogazione di storia alle medie…il vuoto! (more…)

Advertisements

Wedding time? I’m ready for…

Cari lettori,

inutile negare che la stagione estiva, oltre a regalare tante cose belle è anche il periodo in cui si ricevono inviti per interminabili quanto inevitabili matrimoni. Nulla di male, intendiamoci, se non fosse che noi maschietti siamo spesso obbligati ad un dress code piuttosto impegnativo. In fondo il gentil sesso può scoprire spalle e gambe quasi a piacimento, mentre per noi la faccenda si complica un po’, a meno che non abbiamo al massimo 10 anni…

Banditi short  e sneakers ci tocca andare ad aprire l’armadio e fare il famoso, quanto tragico, punto della situazione. Chi per lavoro non è obbligato ad indossare abiti eleganti, si troverà in netta difficoltà, poichè troverà nel suo guardaroba solo qualche abito comprato in occasione di eventi passati che, come loro sarà appunto…andato!

Ad ogni modo, che l’abito sia la nostra divisa da lavoro oppure rappresenti l’antitesi del nostro essere quotidiano, in caso di matrimoni ci sono da seguire poche, semplici ma ferree regole. Escludendo il caso in cui il matrimonio sia il nostro, in tutti gli altri casi una prima, fondamentale distinzione è sapere se la cerimonia è diurna o serale.

Nel primo caso siamo mezzi salvi 🙂 A seconda anche della location e del “livello” sociale delle persone che si sposano e del nostro legale parentale con loro, è possibile anche cavarsela con uno spezzato giacca-pantalone. In questi casi pantalone grigio chiaro in fresco di lana e giacca blu con camicia bianca, o anche celeste molto chiaro possono rappresentare un valido pass par tout. Scarpe mai troppo chiare, opterei sempre per un cordovan marrone scuro oppure il classico nero. Cravatta a piacere, come il tema in classe 🙂 facendo però attenzione a non esagerare con fantasie anni 80 (se non vintage ed allora è un altro discorso) e pupazzetti vari.

marrone 150002-2b 140015-2

Discorso diverso se nel biglietto di invito si richiede espressamente un certo tipo di abbigliamento, come ad esempio tight, mezzo tight o comunque abito scuro. In questi casi non si scappa…bisogna vestirsi in modo appropriato! Però, a guardar bene, dal momento che è l’invito stesso che ci “consiglia” come vestirci non vi nascondo che a me la cosa piace, poichè è quasi impossibile sbagliare. Abito blu, scarpa nera, camicia bianca ed una buona dose di buone maniere nel taschino e saremo sempre impeccabili!

Se l’evento è di sera i toni si scuriscono e così come l’abito femminile si allunga ed il tacco si fa importante, anche per l’uomo è necessario che l’abito sia intero, non spezzato, e la scarpa rigorosamente nera! Dopo le 18, infatti, galateo impone che la scarpa diventi nera e la camicia bianca, così come la cravatta si scurirà nei toni del blu, nero, grigio.

admin-ajax.phpabito-zaffiro-139010-2 _leo8246 109013-3 138024-3

Tutto chiaro? Bene, ora non vi resta che godervi il matrimonio (degli altri) e pensare, eventualmente a quando toccherà a voi!! 🙂

Alla prossima!

Alessandro